Cherry Blossom Festival

20120320-214833.jpg

Buon primo giorno di primavera!
Qui ad Washington (D.C., mai dimentcare il “D.C.”!!!) la primavera è una cosa seria, la si celebra con una serie infinita di manifestazioni tutte incentrate sui ciliegi in fiore che, da 100 anni a questa parte, fanno di Washington una autopraclamatasi “città giardino”.

Ora, per essere negli Stati Uniti, 100 anni è un lasso di tempo rispettabilissimo.
I fiori di ciliegio sono una piccola ed effimera delizia, che vale la pena di essere goduta in fretta, con quel po’ di carpe diem che affascina sempre.
La primavera mi ha assalita di sorpresa, appena sbarcata qui, che ancora indossavo sciarpa di lana e piumino, con una valigia pronta a primavere piovose e fredde nostrane…..e qui invece è subito quasi estate…
E poi tutti a dirmi di andare, a chiedermi perché non andavo, a magnificarmi i ciliegi….pareva male, pareva snobbassi. Punto: ci sono andata. Oggi pomeriggio ho chiuso i libri, il computer, e mi sono rassegnata a farmi coinvolgere dalla primavera ufficiale con un giorno di anticipo.
Ed eccola!

20120320-221144.jpg

20120320-221232.jpg

20120320-221302.jpg

20120320-221407.jpg

20120320-221507.jpg

20120320-221540.jpg

20120320-221553.jpg

20120320-221602.jpg

20120320-221614.jpg

Dopo tutti questi fiori, un po’ di storia, allora.
Tutto iniziò nel 1912, con un dono di 3020 piccole piante di ciliegio in fiore.
All’epoca i ciliegi non erano diffusi negli Stati Uniti e fu una giornalista del National Geographic (ahi ahi, quanto mi costa citare questo nome….), Eliza Scidmore, che, dopo un viaggio in Giappone, convinse David Fairchild, un botanico, a interessarsi alla loro importazione per abbellire la città di Washington.
L’idea fu realizzata grazie all’interessamento della First Lady Helen Herron Taft e del magnate giapponese Jokichi Takamine, presidente della compagnia farmaceutica Sankyo.
Il 27 marzo 1912, la First Lady e la moglie dell’ambasciatore del Giappone piantarono le prime due piantine sulla riva nord del Tidal Basin nel West Potomac Park.

E oggi, non avendo a disposizione la First Lady, se non nelle locandine del parco…..

20120320-222822.jpg

……c’era solo un’altra lady….

20120320-223025.jpg

Annunci
11 commenti
  1. giuseppe ha detto:

    che poi , a esser precisi, astronomicamente la primavera è entrata ieri poichè il 2012 è un anno bisestile. Mi sembra d’averti mandato il link della favolosa fioritura dei ciliegi a VIGNOLA!! Non ha nulla da invidiare a quella che hai fatto così felicemente vedere qui. E hai fatto benissimo a fotografare e a farci vedere la vera Lady del Giardino dei Ciliegi . Cechov non c’entra nulla ma ci sta bene, come tragedia/commedia! ma mi piace collegare tre personaggi e tre popoli su quest’albero: la principessa giapponese, WashingtonD.C. e la nuova Lady CECILIA, che si aggira bellissima in mezzo alla fioritura. Bella la camicetta e la giacchetta scura! Veramente! Sei veramente innamorata della Natura , visto che riesci a fare ste foto magnifiche!Ti sei portata qualche classico dietro? Leggi qualcosa di nostro?Va bè che lì trovi tutto. Ma io vivo nel terrore di andare in giro e non avere la mie colonne di sostentamento nella lettura. Ce l’hai la Divina , pur piccolina? Assieme al Don Chisciotte son gli unici libri che mi porterei dietro. Ciao e buona giornata!! Joseph :))

    • Adesso si porta dietro tanto e con poco. Ho un Sony Reader e, sì, c’è dentro anche la Divina Commedia!

  2. ves ha detto:

    ohhhhhhhhhhhhhhhhhh che meraviglia (snif snif)

  3. Adele ha detto:

    Che meraviglia! E cosa stai organizzando per il TUO fine settimana di festa?

  4. Miti ha detto:

    Certo che lasciarteli scappare sarebbe stato un vero peccato. E poi quelli del Nat Geog. (come vedi non lo scrivo tutto intero, un po’ come Voldemort) qualche merito ogni tanto lo hanno anche, no?
    Buona primavera, Cecilia

    • Forse sono peggiorati in epoca moderna? Oggi sono proprio di basso livello, i “Giacobbo” di questa sponda dell’Oceano! E non parlo solo per la Battaglia di Anghiari….vedi anche la bufala delle ossa di Caravaggio!

      Inviato da iPad

      • Miti ha detto:

        Si, pensavo più in termini storici.

  5. maggie ha detto:

    che meraviglia cecilia, come potevi non immergerti in tutto quel rosa. Per fortuna non soffri di allergie, altrimenti saresti stata rovinata! senti, e per la primavera calda di D.C. hai già fatto shopping?? Io son curiosa… sai che mi son rimasti impressi gli attaccapanni vuoti… ciao cara!

    • Metterò la foto del dopo svuotamento valigie…..per il momento basta questo. Anche perchè negli interni si muore dal freddo indotto dall’aria condizionata. E poi varia molto, la stagione: ieri ero pronta per lo shopping selvaggio e oggi, invece, è piovuto e ci vuole di nuovo il golfino

  6. renata ha detto:

    E dopo il paese del Sol Levante eccoti ad ammirare i ciliegi in fiore nel paese del Sol Ponente! Finalmente riesco a leggerti con calma…e a immaginarti in questa bella esperienza!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: