Un concerto un po’ particolare

Oggi un giro alla National Portrait Gallery, uno dei musei dello Smithsonian (se ne contano almeno otto!). Un “giro” vuol dire passarci la giornata in modo più o meno emozionante, fra ritratti di presidenti (la maggior parte per me sconosciuti……almeno fino ai tempi più recenti), foto di star del cinema, enormi tele celebrative dell’epopea dell’West, statuette dell’Oscar e un po’ di arte iper realista.
Ad un certo punto nel bellissimo cortile coperto è cominciato un concerto, un concerto un po’ particolare

20120429-230758.jpg

20120429-230831.jpg

La Symphony Orchestra del Garmer College della University of Maryland, un ensemble di più di 120 tra orchestrali e coro, ha offerto un concerto esclusivamente dedicato a colonne sonore di video games arrangiati per orchestra.
.

20120429-231414.jpg

20120429-231438.jpg

20120429-231448.jpg

20120429-231517.jpg

È stato un concerto bellissimo, emozionante, belle voci, musica interessante, spesso ai confini del dodecafonico.
L’occasione era quella della mostra, in corso al museo, dal titolo “The Art of Video Games”. Una mostra stupefacente, per l’idea stessa. Il video game che esce dal ghetto dell’effimero, del perditempo, del prodotto di consumo. Per essere studiato e condiviso per quello che è, una manifestazione della nostra epoca. Forse anche arte, perché no?

E anche il pubblico era arte:

20120429-232423.jpg

20120429-232434.jpg

20120429-232452.jpg

20120429-232532.jpg

20120429-232600.jpg

20120429-232619.jpg

20120429-232636.jpg

20120429-232701.jpg

Annunci
6 commenti
  1. giuseppe ha detto:

    queste sono bellissime manifestazioni di gioia collettiva e di serenità! Sono un popolo maturo abbastanza da poter individuare ed esaltare aspetti così celebrativi della vita, senza nessun timore. C’è dentro il concetto di libertà. Per contro ho trovato quel tuo termine ” dodecafonico” un èà inappropriato. Loro non posseggono l’arte schoenbeghiana dei dodici suoni nè manco confinante. Quella è tutt’altra cosa. Forse volevi dire musica al limite del sistema tonale, ovvero di armonie o anche melodie al limite dell’accettabile come comprensibilità e carezzevolezza dell’udito. La dodecafonia e i suoi confini prossimi, sono tutt’altra cosa, secondo me. Grazie per questi scorci di vita sociale. Ho visto più o menpo le stesse cose in Germania, specie a Monaco. E anche in Francia a Saint Malò! La musica è una lingua universale. Meno male che non parla inglese!:)
    Giuseppe

    • ma scusa, perche’ dodecafonico dovrebbe essere inappropriato se e’ proprio la linea che stavano seguendo? conosco la dodecafonia e secondo me ne era un esempio…..o e’ limitata a certi autori e ad una certa epoca?

  2. Adele ha detto:

    tutta roba che da noi manco si sognano…

    • non e’ completamente vero, ma certo si fanno cose piu’ paludate. L’idea di museo come spazio sociale a noi manca

      • Adele ha detto:

        è proprio quello che intendevo. In ambito anglosassone o in germania il museo si vive, qua è visto come un luogo “altro” quasi alieno

  3. sandalialsole ha detto:

    Mi intendo poco di musica, per cui spero di non azzardare troppo, però mi ricordo che Schoenberg si trasferì negli astati Uniti negli Anni Trenta e lì ebbe scuola e seguaci. Mi viene in mente, uno tra tutti, Cage. Lo stesso Berio ebbe numerose e prolungate esperienze americane, per cui credo che la dodecafonia non sia così estranea alla cultura d’OltreOceano.
    Detto questo, per tornare ai videogame, avevo letto che per quelli più famosi vengono chiamati compositori di fama, così come accade per un film, scelti tra quelli il cui stile meglio si accompagna alla storia del gioco. Hanno composto uniche per videogiochi Sakamoto e Copeland, anche se molto numerosi sono i compositori giapponesi.
    I concerti in luoghi apparentemente non deputati alla musica sono sempre una bella sorpresa e infondono un senso di spontaneità, anche nell’ascolto, a volte assente in occasioni più paludate. E poi…once in a lifetime, anche un concerto di musiche per videogames, vuoi mettere?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: