“Quale sarebbe il merito dell’oro se non brillasse?” (Gilbert Keith Chesterton)

Certo che di cose che brillano, qui, ce ne sono molte.
Per esempio i fondi oro e le decorazioni dei dipinti alla National Gallery
(tutti quelli italiani, almeno).

20130220-223548.jpg

Nardo di Cione

20130220-223752.jpg

Il Maestro della Vita di San Giovanni Battista

20130220-224016.jpg

Agnolo Gaddi

20130220-224117.jpg

Lippo Memmi



20130220-224223.jpg

Giovanni di Paolo

20130220-224358.jpg

Duccio di Boninsegna

Poi c’è un’altra ricchezza, quella vera, intrinseca e economica che poggia su una moneta ancora molto forte (anche se non come una volta).
Comunque abbastanza da cercare di affossare il nostro virtualissimo Euro (questa la mia opinione sulla crisi monetaria internazionale. Se sentite un americano, però, vi dirà esattamente il contrario)

Ed ecco la fonte della ricchezza in “currency” (vale a dire in denaro corrente, la valuta):

 

Questo “sacro luogo” (perché ogni nazione ha i templi che si sceglie e si merita) è chiamato il Bureau of Prints and Engravings.
Che io, fissata come sono, credevo fosse un museo di stampe e incisioni, nel senso artistico del termine.
E invece è, molto prosaicamente, la ZECCA, la stamperia di denaro.

Il dio dollaro.
Che presenta un inconveniente GRAVISSIMO per la gente “ciecata” come me: produce banconote tutte assolutamente identiche per grandezza e colore le une alle altre. Insomma, se non hai occhiali, rischi di pagare 100 dollari una corsa in taxi da 5!

Ma guardiamoli da vicino, che danno una idea del patriottismo locale, molto di più delle nostre astrussissime iconografie dell’Euro, per le quali, anzi, ci si è voluti mantenere sul generico e l’astratto.

File:Onedolar2009series.jpg

1 dollaro = George Washington
(non D.C., Washington e basta)

20130220-225004.jpg

2 dollari = Thomas Jefferson
(ma io non l’ho mai vista questa banconota. Sarà! Con Jefferson c’è sempre da rimanere fregati)

File:New five dollar bill.jpg

5 dollari = Abramo Lincoln
(certo potrebbero aggiornarlo e metterci Daniel Day Lewis, ora)

File:US10dollarbill-Series 2004A.jpg

10 dollari = Alexander Hamilton
(mi dicono fosse un Tremonti locale)

File:US $20 Series 2006 Obverse.jpg

20 dollari = Andrew Jackson
(uno dei tanti presidenti a noi ignoti)

File:Series2004NoteFront 50.jpg

50 dollari = Ulysses Grant
(mi pare avesse un ruolo in “Via col Vento”, ma non vinse l’Oscar)

File:New100front.jpg

100 dollari = Benjamin Franklin
(che poi, se hanno scelto, per la banconota di taglio più grande, l’inventore del parafulmine, un senso deve esserci)

E per concludere questo post venale, voglio ricordare qui, tra le monetine, solo il mitico PENNY, l’ONE CENT:

2010 cent reverse.jpg 2010 cent obverse.png

altrimenti noto come il NUMBER ONE di Zio Paperone

Annunci
10 commenti
  1. sandalialsole ha detto:

    Davvero, ogni volta faccio dei gran danni con le monetine. Con quelle mi ci confondo sempre e mi perdo in conteggi astrusi che non riescono mai, naturalmente quando la coda alla cassa è tale che alla fine, in preda alla disperazione, tiro fuori il dollarone risolutivo, per il quale riceverò di resto nuove monetine, che andranno ad alimentare il mucchietto, i conteggi, la confusione. Che meraviglia poter pagare praticamente tutto con carta di credito!

    • io cerco di rofilarle alle macchinette self service della metropolitana, ma si sono fatti avveduti e non le prendono piu’ nemmeno loro

  2. giuseppe ha detto:

    a guardare tutte ste robe di quadri e monete direi che quel che luccica è tutto oro!:)) ma tutto loro c’hanno?

    • ma no, sono frammenti. Pagliuzze d’oro.
      Ma sanno come fare a valorizzare il poco rispetto al tanto che abbiamo e che da noi scompare, sommerso dal “di piu'”

      • giuseppe ha detto:

        quant’è vero!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. Renee ha detto:

    I really had to present this specific post, ““Quale sarebbe il
    merito delloro se non brillasse?” (Gilbert Keith Chesterton)
    Hogwarts in USA” together with my best buddies on twitter.
    I reallybasically desired to spread your very good posting!
    Regards, Doug

  4. Helga P ha detto:

    Ho sempre fatto confusione con i dollari come sto facendo confusione con le monetine da quando c’è l’euro.. con questo commento non lucente volovo lasciarti almeno un saluto 🙂

    • ciao carissima! io con l’Euro me la cavo. Ma queste, sono proprio ugualissime: una confusione

  5. giuseppe ha detto:

    la marghe e suo fratello saranno a new york a giugno per una settimana!! Io non posso venire, devo stare qui in Italia, non mi posso muovere. Te lo dicevo così en passant. Lo sapevi che Momti oggi ha visitato l’OPD e poi a teatro ha parlato del valore del Rinascimento?. Mah!

    • So, so. Cerca voti. Peccato non si sia ricordato un po’ prima della cultura!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: