Beata Beatrix (e le altre)

La fascinazione dei pittori Pre-Raffaelliti per Dante è nota.
E naturalmente, data la loro propensione a cercare modelle straordinariamente belle che colpissero la fantasia riportando indietro nel tempo ed incarnando un ideale di bellezza antica, molto particolari ed interessanti sono le loro scelte estetiche relative alle donne simbolicamente amate dai grandi della letteratura italiana delle origini, Dante, Petrarca e Boccaccio.

Le tre donne, Beatrice, Laura e Fiammetta, vanno a comporre un trittico ideale che si sovrappone alla rappresentazione semplicistica, da Bignami si sarebbe detto ai miei tempi (da Wikipedia, si potrebbe dire oggi) di tre declinazioni dell’amore.
Quello della donna angelica, che innalza l’animo a Dio (Beatrice);

quello della donna misteriosa che rimepie della sua assenza l’animo dell’amante (Laura);

quello della donna più passionale ed umana, regina di un mondo in trasformazione (Fiammetta).

File:Dante Gabriel Rossetti - Salutation of Beatrice - Google Art Project.jpg

Dante Gabriel Rossetti, The Salutation of Beatrice

 

Emma Sandys, Boccaccio’s Fiammetta

 

Eleanor Fortescue-Brickdale, Petrarch’s Laura at Avignon

 

La Laura di Petrarca mi era sempre stata antipatica, quando facevo il liceo.

Oggi so perché.

 

Annunci
4 commenti
  1. margherita ha detto:

    bella fiammetta… ma anche Beatrice… potrebbe pure essere un uomo con una parrucca…per quei tratti così marcati

  2. giuseppe ha detto:

    io le amavo tutte e tre anche se in misura decrescente: Beatrice- Laura – Fiammetta! Quest’ultima anzi la sentivo un pò lontana, colpa della prosa!! Un tema in classe su un sonetto del Petrarca in 1^ liceo mi procurò un bel 3menomeno!!!:((( Ho avuto anch’io un rapporto difficoltoso co st’autore!!! Com’ero immaturo!!! Non mi faccio manco tenerezza! Poi un bel giorno scoprii Leopardi e il suo legame immenso con il grande aretino. Mi recai subito ad Arquà e rimasi sconvolto. Non capivo tanto Fiammetta, mi sfuggiva. Ma Beatrice e poi Laura le ho amate e son rimaste il mio amore. Si è aggiunta ultimamente la Dora Markus , pur nell sua tragica allegoria!!! Bello , bello sto post!!! salutissimi stilnovismi!!

    • Non sono mai riuscita a digerire Laura, men che meno dopo aver cercato di ricostruirne il contesto. Almeno Beatrice ebbe il merito dell’idealizzazione dolcestilnovistica. Sparita in Petrarca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: