archivio

Baltimora

Ancora dai musei:

20120502-223057.jpg

Giulio Romano, Madonna col Bambino e San Giovannino

——————-

20120502-223610.jpg

Angolo Bronzino, bambino di casa Medici

——————–

20120502-223954.jpg

La splendida Giulia de’ Medici ritratta da Bronzino insieme con Maria Salviati

———————

20120502-224415.jpg

Un Bambino Gesù di Bernardo Strozzi

————————

20120502-224835.jpg

Un altro Bambino dormiente di Bartolomeo Schedoni

————————-

20120504-235845.jpg

El Greco, Madonna col Bambino e le Santa Agnese e Martina

—————-

20120505-000043.jpg

Juan de Flandes, Annunciazione
———–

20120505-000251.jpg

————

20120505-000516.jpg

————

20120505-001138.jpg

Edward Hopper, Cape Cod Evening

————-

20120505-001249.jpg

Master of Heiligenkreutz, Morte di Santa Chiara

Annunci

A Baltimora, sofisticata e popolare città del Maryland, poco meno di un’ora di treno a nord di Washington, sede di una delle più prestigiose università americane, la John Hopkins,

20120430-232737.jpg

20120430-232807.jpg

20120430-232850.jpg

c’è uno splendido museo, la Walters Art Gallery, frutto degli acquisti d’arte e della filantropia di una famiglia di magnati delle ferrovie.

Un museo di cui amo far vedere dei particolari, rimandando anche qui, al dettagliatissimo SITO WEB per la ricerca dell’intero.
“Bambini” un po’ speciali e spesso anche fuori contesto.

20120430-233304.jpg

Giovanni di Paolo, Andata al Calvario

——————-

20120430-233705.jpg

Bucci di Lorenzo, predella dell’Annunciazione

———————-

20120430-233958.jpg

Giovanni di Paolo, Deposizione dalla Croce

———————

20120430-234244.jpg

Neri di Bicci, Incoronazione della Vergine

———————-

20120430-235448.jpg

Niccolò da Foligno, Serafino

————————

20120430-235839.jpg

Lo Schiavone, Madonna col Bambino

—————————

Per chiudere con queste splendide, orgogliosissime, oche da parata!

20120501-000601.jpg

Pseudo Granacci, Il trionfo della Carità

A Baltimora (mezz’ora scarsa di treno da Washington, una delle città della storia dell’indipendenza americana, sede di una delle più prestigiose università al mondo. la John Hopkins) c’è uno dei maggiori conservatori musicali d’America e del mondo, il Peabody Institute.

Image

Ma al di là della richhezza e completezza di istruzione che offre ai suoi allievi, immersi nella cultura umanistica profonda della John Hopkins che li forma a 360°, voglio cercare di comunicare con queste immagini la travolgente atmosfera che offre la usa biblioteca.

E’, in un certo senso, una Hogwarts antica (e dedicata alla musica, invece che alla Storia dell’Arte come il “mio” CASVA). Ma la vertigine della biblioteca è la stessa. Con in più una costruzione evocativa del teatro dell’opera

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Se ne fanno di belli e di brutti, naturalmente.
Ma i miei preferiti sono di Terzo Tipo:

Image

con Bicci di Lorenzo, a Baltimora, Walters Art Gallery
Per la serie “il primo amore non si scorda mai”!

Image

frammento di Croce spoletina, il cosiddetto “Sozio”, sempre a Baltimora
(e per chi mi capisce: no, non c’era l’immancabile Ann Driscoll!!!!)

Image

con Martina Bagnoli e Carl Strehlke: chissà cosa c’è!

Image

la mia patrona
(e un po’ di ammirazione va anche ad Orazio Gentileschi, perché no? cattivo padre, ma ottimo pittore).
Comunque questo dipinto è un bel puzzle…..sarà un Gentileschi o un Lanfranco? E se sono tutti e due insieme, chi ha fatto cosa?

Image

Ora basta con Leonardo e i leonardeschi….e un se ne po’ più!

20120424-223957.jpg

Con Thomas Jefferson…..teniamo le distanze: il tizio non mi piace più per niente!

20120424-224104.jpg

Se non finisce questo fellowship, mi sa che questi incontri diventano di QUARTO TIPO

L’America ha un gusto molto netto nel celebrare (e divulgare) le proprie memorie attraverso immagini pubbliche ben evidenti, landmarks (come li chiamano qui), ovverosia, familiarmente,”segnaposto” cittadini.

Spesso queste statue, isolate o a gruppo, sono in bronzo (un buon compromesso verso la statuaria antica, romana, direi), situate in luoghi strategici per la divulgazione della cultura (di fronte a musei, uffici postali, palazzi del governo) anche senza necessariamente un legame con cosa e con chi celebrano.

Fa un po’ eccezione Washington, che è una città celebrativa delle memorie nazionali, intorno alle quali è stato costruito il Mall, il parco della storia.

Ecco comunque alcuni esempi sparsi.
(Al Mall converrà dedicare un post unico)

La scelta di immagini vorrebbe dimostrare come gli Stati Uniti stiano costruendo il proprio passato attraverso celebrazione di figure ormai parte della storia ufficiale della nazione, figure che sono simbolizzazioni e figure prese dalla storia mediatica, tenute tutte sullo stesso livello.
Mi pare un bel modo, intelligente, di costruire una memoria collettiva che, per forza di cose, non può che essere “moderna”.

20120422-121201.jpg

Memorial alle vittime del Titanic, sullo Waterfront SW di Washington, statua di Gertrude Vanderbilt.

—————————-

20120422-121411.jpg

Navy Memorial, Washington DC
Statua in bronzo: The Lone Sailor, di Stanley Bleifeld

—————————

Queste statue sono tutte davanti allo splendido Museum of Art di Philadelphia:

20120422-121848.jpg

Statua celebrativa di John Marshall, presidente della Corte Suprema degli Stati Uniti e, in un certo senso, fondatore del diritto costituzionale americano.

20120422-121918.jpg

Gruppo rappresentante la Social Consciousness (Consapevolezza Sociale), di Jacob Epstein

20120422-123647.jpg

Statua di Rocky, ai piedi della scalinata del muses, celebrato luogo di esercizio del campione, nel film. La statua è stata commissionata da Sylvester Stallone stesso.

Questa la scena del film che Stallone voleva eternare con la statua, ma la direzione del museo non ha consentito, altro che per particolari eventi celebrativi, che la statua fosse messa in alto, sulla sommità della gradinata

20120422-125857.jpg

——————-

20120422-125049.jpg

L’Angelo della Resurrezione, di Walker Kirtland Hancock, statua celebrativa dei ferrovieri caduti durante la Seconda Guerra Mondiale, situata nella Stazione Ferroviaria della 30th Street, a Philadelphia. Enorme, bellissima, resa celebre dal film The Witness-Il testimone (quello col poliziotto Kevin Costner che indaga in una comunità Amish)

———————-

20120422-221107.jpg

Statua alla grande cantante jazz, Billie Holiday, a Baltimora, sua città natale