archivio

shopping

Non c’è che dire: rispetto ai nostri prezzi qui si farebbero affari d’oro.

Se non che si rischia grosso con la stile. Soprattutto se si vuole vestire un po’ … non dico elegante, ma almeno “formale”….

una combinazione un po’ fru fru

l’erba del vicino è sempre più verde

eleganza retró (ma proprio tanto, retró….)

la figlia del capitano (del settimo cavalleggeri)

guardando all’Inghilterra (altra patria della moda, proprio, vero?

vola vola vola vola l’ape Maia

E per concludere una selezione di scarpette veramente carine….

righe

DSC_0919

DSC_0083

 

 

Con qualche consiglio anche di moda maschile…

DSC_0781

Naturalmente il motto è “politically correct sempre”. E integrazione.
Anzi, costruire una società che sia “democratic and inclusive”.
Ma anche qui, come sempre, non bastano le parole. E spesso la società è “inclusive” solo di facciata (o, se vogliamo essere generosi) di volontà.
In realtà come sappiamo bene e proprio noi, paese di recente immigrazione, è il razzismo subdolo ad essere il più difficile da sradicarsi.
Capita quindi che negli Stati Uniti governati dal primo presidente nero della storia, i particolari siano illuminanti.
E certe lezioni si imparano dalla vita quotidiana, per esempio alla scuola dei grocery shops

Linee dedicate di prodotti di bellezza.
E fin qui…….

20120605-235653.jpg

20120605-235709.jpg

20120606-000305.jpg

20120606-000322.jpg

20120606-000336.jpg

Peccato poi che proprio l’indicazione del nome del reparto sia quanto di più scopertamente razzistico possa esistere.
(che ovviamente per dimostrarsi di intenzioni politically correct sembra che basti evitare di nominare il oltre della pelle……..)

20120606-000507.jpg

Uno dei lavori più fascinosi per le bambine della mia epoca, terzo solo dopo la ballerina e la parrucchiera, era quello della VETRINISTA.
Si entrava allora nell’era del boom economico, i negozi, sirene del consumismo nascente, cominciavano a mostrare un volto nuovo: non più solo l’indicazione di quello che effettivamente vendevano, ma un tentativo (primordiale se lo paragoniamo a quello che poi avvenne) di allettare i possibili compratori, creando una sorta di palcoscenico, un set da fotografo (i fotografi delle belle foto con mise en scene dell’epoca!).
E la “vetrinista”, parola nuovissima di conio, cui corrispondevano fantomatici corsi scolastici, era la vestale di questo nuovo rito, colei che componeva manichini, tendaggi, assortiva colori…..due volte l’anno: perché allora non é che le vetrine si facessero e disfacessero di continuo, come oggi.:)

Comunque, in questa epoca quasi post-consumistica (cosa che mi augurerei, a dire il vero, almeno da un punto di vista culturale) ecco alcune vetrine di un paese post-moderno.

Gli stili ormai si rincorrono e si confondono, vintage, integrato, fusion, minimalista, eccessivo.
Spesso con poco riferimento al “contenuto”: ma che importa se l’effetto, attirare l’attenzione, è assicurato?

20120508-000823.jpg

—————

20120508-001423.jpg

————–

20120508-001910.jpg

—————

20120508-001933.jpg

—————

20120508-002219.jpg

—————

20120508-002736.jpg

—————

20120508-002753.jpg

—————

20120508-002904.jpg

—————

20120508-003003.jpg

—————

20120508-003050.jpg

—————

20120508-003219.jpg

—————

20120508-003238.jpg

—————

20120508-003407.jpg

—————

20120508-003743.jpg

Me lo ero scordato dal post precedents. Eccolo:

20120504-062658.jpg

————-

Post Scriptum:
Dopo i due primi commenti ricevuti, aggiungo due riferimenti iconografici:

la foto di Eisenstaedt in Times Square

20120504-062339.jpg

e il Bacio di Hayez

20120504-062359.jpg

Per il pranzo della recentissima Pasqua avevo deciso di invitare degli amici (due coppie che, insieme, fanno 4 nazionalità diverse, una tedesca, una cilena, un inglese/gallese ed un americano DOC), tre dei quali sono “scholars già ben trained”, non “training”, come me 🙂
Comunque: l’idea era di preparare un pranzo di Pasqua veramente italiano.
Ma per far ciò ci voleva un negozio che mi vendesse cibo autentico, non le contraffazioni immangiabili che vi ho fatto vedere finora, né i prodotti da importazione. Sì, perché ho scoperto che anche ditte nostrane, come per esempio la Barilla o la Lavazza, preparano e confezionano merce modificata per adattarla ai gusti americani.

Insomma, cerca che ti cerca, ho finalmente messo insieme un po’ di informazioni sparse su internet che convergevano verso un solo negozio, che promettentemente si chiamava Litteri ed era all’interno di un’area di mercato solo alimentare, periferico.
Mi sono armata di borse e sono partita.
Incontrando subito l’aria stupita e le domande di un taxista che mi chiedeva “Are you sure, Mad’m? It is not for you?”.
Io ero sicura, molto tranquilla, ma in effetti, appena arrivata sul posto ho capito che forse aveva ragione lui.

Il “mercato” è un agglomerato incredibile di baracche e vecchi magazzini, che si presenta malissimo ed è frequentato ancora peggio.

20120410-222158.jpg

20120410-222210.jpg

20120410-222218.jpg

20120410-222255.jpg

A prima vista, solo “negozi” indiani e cinesi

20120410-222436.jpg

Poi, finalmente, eccolo, il mitico “Litteri”, la mia agognata meta

20120410-222553.jpg

Convengo che dall’esterno non sia un granché……e nemmeno l’interno, in realtà ….

20120410-222753.jpg

20120410-222855.jpg

Una botteguccia uccia uccia, stipata all’inverosimile, come erano certi negozietti di paese degli anni ’60 da noi. Ma tutta piena di roba VERAMENTE italiana

20120410-223054.jpg

20120410-223231.jpg

20120410-223247.jpg

Da perderci la testa (dal disordine e dalla simpatia: un proprietario di una certa età che non parla una parola di italiano, immigrato di quarta generazione, che chiedeva a me i consigli, le ricette, le giuste pronunce e mi strizzava l’occhio sui prezzi, scontandomi tutto .
Insomma, una avventura carina, ma certo da affrontare solo per occasioni speciali